Sede di Casalgrande (RE)

Via Canale n.1

0522-840575 

Sede di Castellarano (RE)

Via Radici Nord n.126/E 

0536-825048  

Sede di Veggia di Casalgrande (RE)

Via Radici n. 32/A

0522-840575 

Sede di Scandiano (RE)

Via G. Matteotti n. 2

0522-1753289

 

 

 

Cell. 338-2911334

​0522-1750068 fax unico

info@studiolam.it 

DIFFAMAZIONE IN PRESENZA DI MINORI IN TENERA ETA'

17-03-2021 10:24

Avv. Levrini Filippo

PENALE,

DIFFAMAZIONE IN PRESENZA DI MINORI IN TENERA ETA'

DIFFAMAZIONE IN PRESENZA DI MINORI IN TENERA ETA'.(Cassazione civile, sez. III, 15 Febbraio 2021, n. 3785.) LA MASSIMA:In tema di risarcimento danni d

DIFFAMAZIONE IN PRESENZA DI MINORI IN TENERA ETA'.

(Cassazione civile, sez. III, 15 Febbraio 2021, n. 3785.)

 

LA MASSIMA:

In tema di risarcimento danni da diffamazione, il requisito della comunicazione con più persone può essere ravvisato (ANCHE) nel caso in cui le frasi offensive siano pronunciate alla presenza di un adulto e di minori in tenera età qualora questi ultimi, pur non essendo in grado di cogliere lo specifico significato delle parole usate, ne possano cogliere la generica portata lesiva, tanto da rimanerne turbati o divenire a loro volta potenziali strumenti di propagazione dei contenuti diffamatori.

 

IL FATTO:

Nel caso in questione la moglie separata di Tizio aveva definito la suocera e nonna dei propri figli una "put..." che "ha fatto figli a destra e a manca" davanti al marito e ai figli minori di tenera età.

 

Tali affermazioni per la Corte di Cassazione presentano una indubbia valenza diffamatoria ed integrano il reato di diffamazione (con conseguente condanna al risarcimento dei danni richiesti dalla persona offesa) anche se pronunciate in un ambito ristretto quale quello familiare e dinnanzi a persone di tenera età.

(Come già sostenuto in Cass. Pen. Sez. 5, Sentenza n. 16108 del 23/02/2017, ove è stata valutata una fattispecie in cui i minori avevano due e quattro anni).

 

Ricordiamo infine che:

 

La diffamazione è un reato previsto dall'art. 595 del codice penale.

Le legge punisce con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032,00 euro, chi “comunicando con più persone, offende l’altrui reputazione”.

Affinché si possa parlare di diffamazione è necessario che:

- la vittima non sia presente alla conversazione (o non sia in grado di percepire l'offesa);

- sia lesa la reputazione della persona offesa;

- l’offesa alla reputazione avvenga comunicando con più persone.

 

Si tratta di un reato comune posto a tutela dell'onore in senso oggettivo, quale stima che il soggetto passivo riscuote presso i membri della comunità di riferimento.


facebook
instagram
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder